Lievito Madre

Il pane è acqua, farina e tanta passione. E tradizione. Perché le nostre nonne avevano il pezzo di lievito madre tramandato di mamma, in nonna, in bisnonna… e si faceva il pane una volta a settimana, ognuno lo impastava a casa sua (e ne impastava tanto, abbastanza per durare una settimana per tutta la famiglia) e poi si andava a cuocerlo dal vicino di casa ricco che aveva il forno a legna. Le nostre mamme purtroppo sono diventate lavoratrici full-time, e il tempo per rinfrescare, impastare, lievitare, pirlare, formare e cuocere era davvero impossibile trovarlo.

Allora tocca noi, nuove generazioni (mi illudo ancora che i millennials non siano l’ultima generazione), a ri-scoprire la tradizione del pane fatto in casa e scoprire come conciliarlo con una lavoro full-time.

Rinfrescare il lievito madre una volta a settimana deve diventare una sana abitudine di vita. Da dividere con il marito magari, o con qualche giovane figlio pasticcione. Il lievito madre più viene rinfrescato e più sarà attiva la sua forza lievitante…forza saiyan!!!!

Per il rinfresco:

150GR Lievito madre
50ML Acqua
100GR Farina 00
1 Cucchiaio di Miele

  1. Togliere il lievito madre dal frigo e lasciarlo a temperatura ambiente una mezz’ora.
  2. Sciogliere quindi il lievito madre con l’acqua temperatura ambiente, aggiungere all’impasto un cucchiaino di miele (è facoltativo, aiuta la lievitazione e attenua l’acidità). Impastare infine la farina.
  3. Lasciare riposare l’impasto a temperatura ambiente almeno 4 ore. È quindi possibile prelevare la quantità di lievito necessaria per fare il pane o la pizza. Rimettere il lievito madre rimasto in frigo fino a successivo utilizzo.

Se stai per partire per un breve viaggio o se pensi di non aver tempo per il rinfresco, raddoppia o triplica le quantità di acqua e farina… così il lievito durerà un po’ di più!

Da noi è come una parte della famiglia… che fai non organizzi le ferie in modo da passare da casa per rinfrescarlo? 😉